Ricerca generica nel portale
Ricerca attività per regione, provincia e per categorie
Cerca tra i prodotti dei marchi del settore
Cerca tra i prodotti
 

Stufa a pellet

La stufa a pellet

stufa a pelletIl riscaldamento attraverso le stufe viene utilizzato già da svariati anni, ma negli ultimi tempi è andato crescendo esponenzialmente affermandosi sempre di più. Il motivo principale per il quale vengono utilizzate è il costo inferiore del pellet rispetto al gas metano.
Questa domanda crescente a portato i costruttori di stufe a investire nella progettazione di nuove tipologie per sfruttare al meglio il combustibile pellet.
Il risultato è stato l'immissione sul mercato di stufe a pellet che sostituiscono in tutto e per tutto caldaie a gas, le potenzialità termiche di queste stufe sono andate aumentando arrivando a raggiungere grandezze notevoli sostituendo anche piccole applicazioni industriali.

TIPI DI STUFE



Parlando comunque di applicazioni civili spiccano per efficienza stufe ventilate, stufe canalizzabili e termostufe con o senza integrazione per l'acqua calda sanitaria.
Le stufe a pellet ventilate sono di facile istallazione e non hanno bisogno di grossi lavori per il montaggio, sono adatte per appartamenti di piccoli dimensioni come ad esempio monolocali con il pregio di eliminare, se è presente, umidità all'interno del luogo dove viene istallata.

Le stufe a pellet canalizzabili hanno una marcia in più, sono adatte per ambienti di media dimensioni come ad esempio bilocali/trilocali , offrono la possibilità di smistare l'aria nell'ambiante tramite canali di areazione uniformando le temperature all'interno dell'appartamento. Anche questo tipo di stufa riduce la percentuale di umidità nel ambiente per questo motivo risulta molto utile in case umide.

Le termostufe a pellet sono adatte per medie e grandi dimensioni, la caratteristica dominante di questo tipo di stufe è data dalla possibilità di poterla completamente integrare all'impianto di riscaldamento già esistente, di conseguenza è possibile escludere totalmente la caldaia a gas dal riscaldamento , alcuni modelli di termo stufe offrono la possibilità di aggiungere uno scambiatore per l'acqua calda sanitaria.

CONFORT



riscaldamento con il pelletIl confort che queste tre tipi di stufe sono in grado di apportare al corpo umano non ha paragone con quello di una caldaia a gas e relativo impianto a termosifoni o fancoil!
Il motivo di questa affermazione è il fatto che buona parte del calore prodotto da una stufa a pellet è ad effetto radiante che da una sensazione di benessere maggiore essendo lo stesso tipo di effetto prodotto dalla luce solare.
Esistono anche delle vere e proprie caldaie a pellet adatte per grandi istallazioni come ad esempio ville, dove la caldaia è istallata in un locale tecnico o centrale termica, ma in questo caso la caldaia non produrrà nessun calore radiante questo perché essendo totalmente isolata cederà tutto il calore derivante dalla combustione all'acqua . Per questo tipo di istallazioni abbastanza grandi, dato il quantitativo elevato di consumo di pellet, sono disponibili dei contenitori di accumulo che ricaricano in automatico il serbatoio della stufa senza doversi preoccupare troppo spesso della ricarica.

PARTICOLARI



Ciò che potrebbe rendere comunque difficoltoso ed economicamente costoso il montaggio di una qualunque stufa a pellet è sicuramente la presenza o meno di una canna fumaria certifica o certificabile dall'installatore.
Infatti il montaggio di una canna fumaria incide notevolmente sui costi di istallazione e varia in base al luogo dove essa dovrà essere montata, ciò andrà valutato caso per caso da un tecnico specializzato.
Di fatti la normativa prevede una certificazione da parte dell istallatore che riguarda nel dettaglio la canna fumaria.

PREZZI



Per quanto riguarda i PREZZI da sostenere possiamo dire che il montaggio di una stufa a pellet non è un'operazione di basso costo , ma è un investimento economico di cui vedrete i risultati dopo poco più di un anno.
Questo perché dovrete sostenere il prezzo iniziale di istallazione da sommare all'acquisto del pellet durante la stagione invernale.
Trascorso questo periodo proteste arrivare a risparmiare anche il 50% rispetto a ciò che spendavate col consumo di gas metano.

COME FUNZIONA LA STUFA A PELLET



Il pellet, inserito in un serbatoio, viene prelevato da una coclea ( è una vite senza fine ) e lo indirizza nella camera di combustione della stufa.
Di seguito l'aspiratore d'aria, inserito nella parte inferiore del braciere, immette aria nella camera di combustione della stufa a pellet. Nello steso tempo, l'aspiratore d'aria, immette dallo scarico i fumi di combustione e altri ventilatori espellono l'aria di convenzione nell'ambiente da riscaldare.

Tutte le operazioni sono controllate da una centralina che prende le informazioni da sensori, sonde e termostato. Grazie ai sensori e sonde, la centralina comanda e regola in automatico il flusso dell'aria e la modalità di combustione, in modo da ottimizzare le prestazioni e rendimenti della stufa a pellet.

Inoltre, sempre grazie alla centralina elettronica, è possibile, in manuale, impostare la velocità della ventola per la fuoriuscita del calore, la temperatura che si desidera ottenere nell'ambiente ed il tempo di accensione e spegnimento.

LA MANUTENZIONE DELLA STUFA A PELLET



Anche per le stufe a pellet, come anche altri apparecchi per il riscaldamento, c'è bisogno di manutenzione. E' sempre consigliato fare dei controlli ogni anno da un operatore specializzato. Grazie ai controlli del manutentore la stufa a pellet avrà un vita più lunga ed un maggior rendimento, senza tenere in considerazione degli inconvenienti che ne possono venir fuori nei mesi di utilizzo. Il manutentore dovrà effettuare vari controlli favorendo il corretto funzionamento della stufa in modo da "garantirne" il funzionamento secondo le vigenti norme. Chi effettua la manutenzione della stufa a pellet sarebbe opportuno che effettui dei controlli alla canna fumaria in modo da verificarne il corretto funzionamento al fine di evitare spiacevoli conseguenze, come ad esempio la bruciatura della canna fumaria. Se nel vostro ambiente è installata una termostufa ed è collegata al sistema di riscaldamento, allora sarebbe opportuno verificare anche la corretta circolazione dell'acqua nell'impianto al fine di non arrivare nei periodi più freddi per poi rimanere al freddo.

LE STUFE A PELLET: TRA ECOLOGIA E RISPARMIO



In questi ultimi anni stiamo assistendo ad un successo sempre più intenso delle ormai famose stufe a pellet, stufe che in molti scelgono di installare nelle proprie abitazioni o anche nei locali commerciali con la speranza di riuscire in questo modo ad ottenere un intenso risparmio. I produttori delle stufe a pellet cercano di accaparrarsi un numero sempre maggiore di clienti proprio puntando sul risparmio che con questi apparecchi è possibile ottenere, ma anche puntando sul loro status ecologico. Ma queste stufe possono essere considerate ecologiche al cento per cento così come ci vengono dipinte? Cerchiamo di fare un po' di chiarezza sulla questione.

Dobbiamo ammettere che le stufe a pellet sono effettivamente una soluzione molto più ecologica per il riscaldamento delle nostre abitazioni rispetto a qualsivoglia altro sistema oggi disponibile in commercio. Lo sono però solo se si sceglie con grande cura ed attenzione il pellet da utilizzare come combustibile.
Il pellet infatti deve essere ricavato solo ed esclusivamente dagli scarti della lavorazione del legno oppure da boschi gestiti in modo sostenibile, solo in questo modo possiamo dire di aver scelto un pellet ecologico, solo in questo modo possiamo dire che il nostro sistema di riscaldamento rispetta l'ambiente in cui viviamo. Non solo, il pellet dovrebbe anche essere prodotto vicino a noi, meglio evitare quello che arriva con camion o su navi e che deve percorrere lunghe distanze perché questo ovviamente significa inquinare in modo davvero intenso. Detto questo dobbiamo sottolineare però che anche il pellet non può essere considerato green al cento per cento. La sua combustione infatti comporta comunque la produzione di anidride carbonica e a seconda della sua composizione anche la produzione di gas inquinanti. Nonostante non sia un prodotto green al cento per cento è ovvio però che questa è una delle scelte migliori che possiamo fare per il pianeta.

Vale lo stesso per il nostro portafogli? Possiamo parlare di stufe che ci permettono di ottenere il risparmio desiderato? Anche in questo caso la risposa è affermativa. Dobbiamo come prima cosa ricordare che l'acquisto e l'installazione di una stufa a pellet è considerato un lavoro di ristrutturazione volto a rendere l'edificio più sostenibile, proprio per questo motivo è possibile godere delle detrazioni fiscali previste. Inoltre è possibile ottenere anche dei finanziamenti ad hoc, per rendere la spesa iniziale meno intensa.
Dobbiamo ammettere che il costo del pellet è salito nel corso degli anni, ma si tratta comunque di un prezzo piuttosto basso rispetto agli altri combustibili oggi presenti in commercio. Ad oggi i sacchi da 15 chilogrammi di pellet hanno un costo che si aggira intorno ai 5 €, ma sono frequenti le promozioni che permettono di risparmiare ulteriormente. Considerate che con un chilogrammo di pellet riuscite a sostenere il funzionamento della stufa per circa un'ora.

Il risparmio che è possibile ottenere però dipende molto anche dalla stufa a pellet che decidete di acquistare. Ovviamente le stufe a pellet di ultima generazione, particolarmente prestanti e capaci di coprire superfici molto vaste, permettono di ottenere un risparmio davvero intenso. Se la stufa a pellet poi viene regolata in modo impeccabile e viene sottoposta ai normali controlli e alla manutenzione di routine è ovvio che riuscirà a funzionare al meglio, ad essere più efficiente e quindi a garantire un risparmio se possibile anche maggiore.

GUIDA SU COME SCEGLIERE LA STUFA A PELLET



Vuoi qualche consiglio su come scegliere la stufa a pellet? clicca qui!


Iscriviti alla newsletter

Iscriviti

Top
Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito.
Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "OK".
Info OK