Ricerca generica nel portale
Ricerca attività per regione, provincia e per categorie
Cerca tra i prodotti dei marchi del settore
Cerca tra i prodotti
 

Fiscale - Applicazione ritenuta d´acconto per bonifici con detrazione fiscale

Applicazione ritenuta d´acconto per bonifici con detrazione fiscale

applicazione ritenuta acconto nei bonifici per detrazioni


Focus sull´applicazione della ritenuta d’acconto nei bonifici effettuati per usufruire delle detrazioni.

L´articolo 25 del D.L. 31 maggio 2010, n. 78, convertito con Legge 122/2010, ha introdotto per imprese e professionisti una ritenuta d’acconto del 10% che deve essere effettuata dalle Banche e da Poste Italiane S.p.A. direttamente sull´importo dei bonifici disposti dai contribuenti per beneficiare della detrazione fiscale (50% e 65%).

La stessa disposizione, che inizialmente prevedeva l’applicazione di una ritenuta del 10%, è stata poi ridotta al 4% per poi essere rialzata all´8% dal 1° gennaio 2015 (Legge di Stabilità 2015).

Si ricorda che le Banche o Poste Italiane, ovvero il sostituto d’imposta che opera la ritenuta d’acconto e la versa all´erario, dovranno rilasciare al beneficiario del bonifico (ossia l’impresa che ha effettuato i lavori) le certificazioni delle ritenute, a chiusura dell’anno fiscale.

L´Agenzia delle Entrate ha chiarito che tale ritenuta deve essere operata sull´importo del bonifico che non comprende l´IVA.
Con la Circolare n. 40/2010 viene inoltre chiarito il caso in cui il committente sia un soggetto già tenuto ad operare una ritenuta d´acconto, come ad esempio quello dell’intervento di manutenzione da effettuare presso un condominio. In questo caso la normativa prevede già che sulle “prestazioni relative a contratti d’appalto di opere e servizi” versati alle imprese il condominio effettui delle ritenute rispettivamente del 4%; il rischio, quindi, è di vedere effettuata una doppia ritenuta.
L´Agenzia delle Entrate ha chiarito che, nel caso di servizi e lavori svolti nell´ambito di lavori per i quali il committente si avvale della detrazione fiscale del 36% o del 55%, l´unica ritenuta applicabile è quella introdotta dal D.L. 78/2010 che, prevale sulla normativa ordinaria. In pratica, quando un´impresa fattura ad un condominio che effettua lavori per i quali intende avvalersi delle agevolazioni fiscali, sulla fattura non deve essere riportata la ritenuta di norma operata (4%), bensì verrà applicata unicamente la ritenuta dell’8%.

Si ricorda che i soggetti che intendono richiedere le detrazioni fiscali per le ristrutturazioni edilizie (detrazione 50%) o per le riqualificazioni energetiche (Ecobonus 65%) dovranno effettuare appositi bonifici bancari o postali da cui risultino:
 - Causale del versamento, con riferimento alla norma
 - Codice fiscale del beneficiario della detrazione
 - Codice fiscale o numero di partita iva del beneficiario del pagamento.


Keywords:

bonifico detrazione fiscale, ritenuta d´acconto bonifici,


Tag: Legge - news - fiscale
Presente nella categoria: Fiscale


Ti è piaciuto questo articolo ?

Iscriviti subito alla nostra newsletter

Voglio iscrivermi

ARTICOLI CORRELATI - Potrebbe interessarti
CONDIVIDI CON I TUOI AMICI E CONOSCENTI

Prodotti in primo piano

Scopri tutti i prodotti delle aziende iscritte al portale

SYSTERM

Raccorderia e Valvolame - Rubinetti

Top
Questo sito utilizza la tecnologia 'cookies' per favorire la consultazione dei contenuti e l'erogazione dei servizi proposti dal sito.
Per prestare il consenso all'uso dei cookies su questo sito cliccare il bottone "OK".
Info OK